Vitigno autoctono a bacca rossa, creato a Sotto il Monte da Riccardo Terzi, botanico nato alla fine del 1800, benemerito ibridatore di viti, docente all'Università di Padova in Coltivazioni Arboree, procede con un'assidua attività di ricerca in ogni ambito della frutticultura.

Creò il connubio tra "Barbera" e "Cabernet Franc", stemperando l'asprezza del primo con la morbidezza del secondo, ottenendo così un buon gruppo di "Incrocio Terzi Cabernet per Barbera"; di cui si conoscono fino a 5 varianti, ma il suo massimo lo esprime con la prima "T1". Nel 2011 il suo "Incrocio Terzi" viene insignito della Denominazione d'Origine Controllata.

 

Giudizio organolettico:

Dalle uve di "Incrocio Terzi" si ottiene un vino dal colore rosso-rubino intenso, dallo spiccato odore vinoso e che in qualche caso ricorda pure quello caratteristico dei vitigni bordolesi, asciutto, un pò tannico, di corpo, alcolico, fresco, armonico, che ricorda il Barbera, suscettibile di migliorare con l'invecchiamento. Il prof. Dalmaso segnala che questo vitigno è stato sperimentato anche in Piemonte, con risultati incoraggianti, anche se il suo massimo lo dà nella sua terra di origine.

 

Il nostro vino è ...

Prodotto con metodo tradizionale, utilizzando trattamenti naturali come poltiglia bordolese e zolfo ventilato con concimazione naturale d'origine animale proveniente dal nostro allevamento. La potatura è la classica bergamasca ad archetto e la vendemmia viene fatta a mano.